Come leggere ad alta voce e recitare bene una poesia

Per imparare come si legge una poesia si deve in primo luogo riflettere bene sul suo significato. Occorre tener presente però, che il significato di un testo poetico non può essere definito una volta per tutte e con assoluta precisione poiché, per sua natura, ha in sé molteplici significati. 
Così lo stesso testo poetico dice sempre qualcosa di nuovo a chi lo legge, un qualcosa che può essere diverso da lettore in lettore.
Chi legge una poesia deve sempre tenere presente questa ricchezza di significati del testo poetico e nelle analisi del contenuto non deve mai fermarsi alla prima impressione: deve sforzarsi di cogliere tutti i significati del testo, domandandosi il perché di ogni affermazione e di ogni immagine. 

Leggere poesie ad alta voce

In secondo luogo, la poesia va letta ad alta voce: in questo modo si può dare il giusto rilievo alle scelte del poeta per quanto riguarda gli accenti, le pause e i vari elementi di suono e di significato. Gli echi sonori creati da rime, onomatopee, ripetizioni di suoni vocalici e consonantici possono essere messi in rilievo solo con la lettura ad alta voce. Così anche le pause più o meno lunghe date dalla punteggiatura, e, soprattutto, la fine del verso o di una strofa.
La fine del verso richiede una pausa brevissima, la fine di una strofa una pausa breve. Quando leggiamo una poesia ad alta voce, come nella lettura di un testo in prosa, è necessario cambiare il tono, il volume o il ritmo a seconda di ciò che si vuole comunicare a chi ci sta ascoltando.
Se la poesia tratta di un momento concitato dovremo essere in grado di riuscire a suscitare uno stato di sgomento e di frenesia mentre se la poesia racconta di un momento calmo e rilassato la nostra voce dovrà modularsi per accogliere quella sensazione. Tutti questi argomenti vengono trattati nel nostro corso Le meraviglie della Voce.

Leggere poesie fa bene

 Leggere poesie fa bene perché ci aiuta ad entrare in connessione con stati emotivi che non conoscevamo e che ci rendono in grado di emozionare e di emozionarci. Leggere una poesia in pubblico poi ci permette di restituire il senso e l’emozione che sta dietro a un componimento poetico ed è doppiamente utile perché grazie alla nostra lettura le persone possono ritrovarsi in quelle emozioni, scoprire nuovi stimoli emotivi e attribuire nuovi significati al loro percorso. 
Si può dire che il primo palcoscenico di ciascuno di noi sia stata la sedia dove ci hanno fatto salire per recitare la poesia di Natale e il primo amorevole pubblico è stato quello dei nostri familiari. Eppure se oggi ti chiedessi di recitare in pubblico una poesia ci riusciresti con la naturalezza di allora? Da bambini ci sembrava tutto un gioco, ma come sappiamo i bambini giocano in maniera serissima e danno sempre il massimo in ciò che fanno. Per mandare a memoria la poesia di Natale e avere il soldino in regalo dalla nonna ci volevano settimane di studio del testo e del significato. E grande impegno e convinzione.
Ma come si recitano le poesie da adulti? 

Come recitare bene una poesia

Recitare bene una poesia richiede un grande lavoro sul significato del testo e anche sull’enunciazione. L’emissione vocale dei suoni deve essere chiara e limpida ma allo stesso tempo deve poter comunicare emozione. E poi c’è il significato. Per recitare una poesia d’amore può essere utile comprendere il contesto in cui è stata scritta quella poesia e il punto di vista dell’autore. Anche la gestualità che accompagnerà la recitazione dovrà essere adeguata a trasmettere il sentimento descritto. Se vogliamo rendere ancora più indimenticabile la nostra performance potremo scegliere di recitare una poesia nella sua lingua originale. Come e più della prosa infatti la poesia nasconde la sua seduzione nella musicalità della lingua in cui è stata pensata. 

Recitare poesie in inglese

Recitare una poesia in inglese o in spagnolo prevede in primo luogo la comprensione del testo. Una seconda difficoltà poi viene dalla pronuncia che deve essere perfetta e priva di accento italiano. Pensa all’orrore di declamare gli immortali versi di Pablo Neruda con un accento sbagliato! Il lavoro che devi fare se vuoi, ad esempio, recitare una poesia in spagnolo è sicuramente più difficile e richiede una grande pratica.  La recitazione in una lingua straniera ha il grande vantaggio di permetterci di avvicinarci alla lingua in maniera intima e confidenziale. La memorizzazione della poesia poi facilita la memorizzazione dei vocaboli e quindi ci può essere molto utile nei contesti in cui dovremo parlare quella lingua e avremo bisogno di utilizzare parole più specifiche. 

Leggere poesie è utile

Recitare poesie arricchisce il nostro vocabolario, ci rende più sensibili e pronti ad interpretare il mondo mutevole e complesso in cui tutti i giorni ci troviamo a vivere ed è un esercizio che ci può portare ad avere una maggiore confidenza con noi stessi e con le nostre emozioni.